info@nextdestinationgo.it +39 081 5066628

Il Castello di Sissi

A pochi chilometri di distanza da Augsburg si trova il Castello di Aichach a Unterwittelsbach. Questo castello, con i suoi eleganti parchi, diviene per molti anni una residenza estiva molto amata dal padre di Sissi, il duca Max. La giovane Sissi può godersi qui, nella vecchia Baviera, i suoi giorni d’infanzia più felici. Sono i giochi, il divertimento e la caccia a rendere le ore della sua giovinezza così spensierate, lontana dall’etichetta di corte, dove la piccola Elisabetta diWittelsbach ama muoversi spontaneamente e in libertà nella natura.

Il Castello di Aichach è adesso un museo dedicato a Sissi estremamente interessante e che merita sicuramente una visita. E’ aperto da maggio a novembre, mentre i giardini e i parchi sono aperti tutto l’anno. Il Castello di Aichach offre ogni anno una nuova esposizione tematica dedicata all’Imperatrice. Quest’anno il tema è la “tavola imperiale” e quindi l’esposizione ha come titolo: “Prelibatezze imperiali – l’Imperatrice Elisabetta tra dieta e gioie del palato”. Offre ai visitatori una invidiabile e ben curata esposizione di elegantissimi abiti originali indossati da Sissi, insieme a preziosi servizi di posate, piatti, tazze e innumerevoli ricordi dei viaggi di Sissi in Europa. Le preziose porcellane, gli eleganti bicchieri dicristallo, le posate e i piatti decorati in oro da abili orefici, facevano, infatti, parte della vita quotidiana dell’Imperatrice.

Il museo, perfettamente organizzato con sale tematiche, è anche valorizzato dalla sua curatrice la Sig.ra Brigitte Neumaier, che, insieme ai suoi collaboratori, è fonte inesauribile di informazioni sulla vita di Sissi e anche di ricette di cucina tipiche bavaresi, che la principessa tanto apprezzava e che sono parte integrante della cultura bavarese.

E’ anche interessante ricordare che verrà organizzata una grande esposizione del Land Baviera nel 2020, intitolata Bayerische Landesausstellung Stadt befreit. Wittelsbacher Gründerstädte“. La mostra si terrà nel castello dei Wittelsbach, recentemente rinnovato, a Friedberg e nella FeuerHaus ad Aichach. La famiglia dei Wittelsbach furono storicamente importanti come fondatori delle città bavaresi di Friedberg, Aichach, Ingolstadt, Kelheim, Straubing e Landshut. Il tema, attualissimo, è quello di come rispondere alla crescita delle città bavaresi ed europee, affrontando il tema dell’integrazione tra l’architettura moderna e quella tradizionale.

E’ invece nel Castello di Schönbrunn, la residenza imperiale estiva con più dimille stanze, dove Sissi trascorre la sua prima notte a Vienna. L’imperatrice risiede spesso negli appartamenti sul lato ovest del castello barocco, e successivamente ne occupa il piano terra. Il Castello di Schönbrunn è una tappa fondamentale per conoscere la vita di Sissi e di tutta la famiglia imperiale. Nel parco del castello si trova anche il Museo delle Carrozze di Vienna.

Senza dimenticare il Castello Reale di Gödöllö, chiamato la “Versailles ungherese“ e il suo soggiorno a Corfù, tra il 1889 e il 1892, dove Sissi fa costruire l’Achilleion, un palazzo in stile pompeiano, l’Italia è una delle mete preferite dall’imperatrice.

Diverse volte soggiorna a Merano e nella città termale di Levico Terme. Sissiapprezza molto l’aria pulita, l’acqua termale, la possibilità di potersi muovere a contatto con la natura e la vista del mare e delle montagne. Nel Castello di Miramare sulla costa adriatica presso Trieste, sosta 14 volte, prima e dopo i suoi viaggi attraverso il mar Mediterraneo. A Venezia soggiorna solamente due volte, ma complessivamente per più di sei mesi. Infatti, oltre alla cura e al benessere del corpo, Sissi apprezza anche la cultura dell’Italia, il suo stile di vita, il suo aspetto romantico, pittoresco, divertente e mediterraneo. Grazie al suo grande fascino, Elisabetta qui ha anche una significativa influenza politica. Nel film, a Venezia, la giovane imperatrice corre in direzione di sua figlia per abbracciarla, conquistando per sempre i cuori del popolo italiano. 

 

SCOPRI TUTTE LE CURIOSITA'